Success Stories



Enrico Mariuzzo, diplomato MCR®, è in tournée negli Stati Uniti


Enrico ci racconta: “Dopo essermi trasferito definitivamente a Seattle, in meno di due settimane sono entrato a far parte dei "Prophets of Addiction” (band di Lesli Sanders, ex bassista dei Pretty Boy Floyd) e partito per un tour di cinque settimane lungo la West Coast e altri Stati Americani. Tutto è accaduto in fretta. Ho avuto a disposizione appena tre giorni di tempo per preparare il repertorio e due per le prove generali. Solo cinque giorni in tutto, poi via: on the road!

Come sono arrivato a tutto ciò?

Prima di tutto con perseveranza, senza mollare mai. Poi, grazie a Donato che ha sempre creduto in me e che, un giorno, mi ha dato l'opportunità di registrare un video per la RGA: l'assolo di "Far Beyond the Sun” (Y. J. Malmsteen). Grazie a questo video ho potuto farmi conoscere anche qui negli Stati Uniti e godere di un ottima presentazione. Infine, come non ricordare con gioia gli intensi anni di studio all'MCR®, sotto la guida di Donato. Questi hanno fatto sì che fossi preparato mentalmente e tecnicamente per preparare un repertorio "al volo”. Spesso, infatti, è così che capita quando si ha l'occasione di fare il turnista: tutto accade molto in fretta, bisogna essere pronti, svegli e stare sempre sul “pezzo”! Non è una cosa che si improvvisa al momento, ci vogliono anni.

Spesso mi capita di leggere tante belle esperienze riguardanti altri musicisti/chitarristi. Pochi di questi, però, spiegano realmente come sono arrivati ad ottenere tali risultati. Le parole chiave sono: persistenza, determinazione e pubbliche relazioni (mettersi in condizione di conoscere quante più persone possibili)! Purtroppo, non basta solo studiare lo strumento. Diventare bravi non è abbastanza! E’ necessario saper pianificare, auto promuoversi e creare contatti per "infilarsi" nelle situazioni giuste. Non bisogna mai avere paura di lanciarsi. Se vieni respinto ad un provino, non scoraggiarti (a me è capitato). Bisogna sempre andare avanti! Infine, soprattutto qui in America, è importante curare l’immagine, spesso sottovalutata, E’ necessario essere “elastici”, ad esempio disponibili a cambiare il colore dei capelli, truccarsi e il modo di vestirti. Tutto è al servizio dello “spettacolo".

Ciò detto, sono entrato in questa band dopo aver risposto ad un annuncio su un sito, molto utilizzato qui in America, non solo per la musica, craigslist.org. E’ stata dura. E’ stato necessario dedicare molte ore di tempo per creare contatti e farsi conoscere. In poche parole "rompere le palle a tutti!" Se non fai così, nessuno verrà mai a bussare alla tua porta. Ovviamente, per farsi conoscere e notare, è necessario avere anche un sito internet e/o una serie di video su YouTube che siano un ottimo biglietto da visita. Come ho detto prima, il video girato alla RGA, è stato fondamentale.

Spero di essere stato utile a qualcuno raccontando la mia esperienza, e, come si dice qui: “MAKE IT HAPPENS!" (fai in modo che accada) and “NEVER GIVE UP” (non mollare mai!)

Stay hungry!

Enrico"



Alcune success stories